PENSIERI: COME GESTIRLI

Analizziamo più in profondità il rapporto tra il controllo e i nostri pensieri.

Idealmente un controllo al 100% corrisponde all’essere totalmente focalizzati sull’istante attuale, i nostri pensieri hanno a che fare unicamente con ciò che stiamo vivendo adesso. Se quindi siamo con la testa tra le nuvole, per esempio, il controllo è decisamente più basso (a meno che non cerchiamo esplicitamente questo stato).

Più siamo in controllo più risultiamo attraenti e più comunichiamo e connettiamo facilmente con le altre persone.

Per questo quando interagiamo con gli altri è importante essere focalizzati sull’interazione, quando parliamo noi su ciò che stiamo dicendo (ma soprattutto sul come), e quando parla il nostro interlocutore esclusivamente su di lui. Questo può sembrare banale ma spesso non ci pensiamo e durante le interazioni capita di frequente che la mente inizi a vagare.

Per esempio, quando interagiamo con qualcuno da cui siamo attratti e che consideriamo (consciamente o inconsciamente) di valore superiore al nostro, è molto facile che partano pensieri tipo “cosa posso fare/dire per risultare più attraente? per suscitare più interesse? per piacerle/gli?”. Di conseguenza la mente è piena di pensieri che non hanno nulla  a che fare con l’interazione in sé, il nostro controllo diminuisce parecchio e fatichiamo molto di più a connettere.

Quando abbiamo pensieri che non sono legati al presente non dobbiamo provare a scacciarli, in questo modo saranno ancora più presenti. Viviamoli positivamente ma allo stesso tempo cerchiamo di dirigere l’attenzione a ciò che stiamo facendo. Se non ci riusciamo va bene lo stesso, godiamoci tutti i pensieri che affollano la nostra testa.

La mancanza di controllo può essere vista come differenza tra quello che vorremmo e quello che è.  Se facciamo coincidere le due cose (in questo caso ho una mente piena di pensieri ed è proprio ciò che voglio) , torniamo in controllo.

Ci sono varie tecniche che si possono applicare per aumentare la padronanza dei nostri pensieri, ne vedremo alcune quando andremo ad analizzare situazioni specifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
en_GBEnglish it_ITItalian