CAMBIAMENTO: DA DOVE INIZIARE

Finora ho solo espresso concetti teorici, che magari avete apprezzato o vi hanno lasciato perplessi, ma che non servono a molto se non vengono tradotti in azioni concrete per innescare il cambiamento.

Da dove possiamo iniziare? Ognuno di noi è diverso, le nostre vite, difficoltà, sogni, aspirazioni eccetera, ma in realtà c’è anche molto che ci accomuna.

Se ci pensate ciò che ci differenzia è il COSA (il contenuto), ciò che ci accomuna è il COME (il modo).

Come inteso nel senso di tecniche e modalità per arrivare a esprimere al massimo noi stessi nella nostra unicità.

Per arrivare ad esprimere chi siamo abbiamo bisogno di un cambiamento interiore, cioè un cambiamento che abbia a che fare con il modo in cui pensiamo, proviamo emozioni, reagiamo agli eventi, l’immagine che abbiamo di noi stessi e del mondo e così via.

Come possiamo innescare questo cambiamento?

In realtà questo cambiamento è costantemente in atto, le esperienze che quotidianamente facciamo ci cambiano, anche se spesso in minima parte.

Ma come ci cambiano? A volte non nel senso che vorremmo, per esempio i nostri timori si rafforzano, o la diffidenza nei confronti degli altri.

Questo perché siamo si può dire schiavi di quello che ci capita, spesso non possiamo controllarlo ma ha una grossa influenza su di noi, in “positivo” o “negativo”.

Questi cambiamenti sono inconsapevoli, il cambiamento che vogliamo mettere in atto è consapevole e ben definito.

Cambiamento consapevole significa che dipende dalla nostra volontà, dobbiamo voler cambiare.

Purtroppo nella maggior parte dei casi magari non siamo soddisfatti della nostra vita, ma tutto sommato la riteniamo vivibile. Non c’è una forte motivazione al cambiamento consapevole, e quindi semplicemente non si agisce, oppure si agisce ma non in modo costante e quindi poco efficacemente.

Magari invece abbiamo una forte motivazione, che può essere dovuta a qualcosa che ci fa soffrire parecchio e che vogliamo risolvere, o a un sogno che vogliamo realizzare.

Possiamo in questi casi far leva sui nostri desideri e paure più profonde per trovare la motivazione ad agire in modo costante.

Spesso però non c’è qualcosa che ci fa stare veramente male, che ci fa sentire di aver toccato il fondo, e non abbiamo sogni che vogliamo realizzare costi quel che costi.

Come iniziare ad agire in questi casi senza una forte motivazione?

La risposta fortunamente c’è ed è grazie all’autodisciplina.

Con una buona autodisciplina non è necessario essere particolarmente motivati ad agire, agiamo semplicemente perché ci siamo dati il compito di agire e lo rispettiamo.

Quindi nei casi in cui la motivazione scarseggia possiamo iniziare sviluppando l’autodisciplina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
en_GBEnglish it_ITItalian